E se ti dicessi che lo Stoner Rock di qualità è anche Made in Italy?

La risposta a questa domanda è Vinnie Jonez Band, gruppo del quale ti parlo oggi con la recensione del loro debut album Nessuna Cortesia All’Uscita, pubblicato a Settembre 2017 per Karma Conspiracy Records.

La Vinnie Jonez Band è una band che nasce a inizio 2015 a Palestrina, cittadina a est di Roma – occhio a non leggerlo nel modo sbagliato, è un attimo finire in Palestina togliendo una semplice consonante 😉 – dalla mente di Gianluca Sacchi (voce e chitarra), Marco Cleva (chitarra), Ludovico Gatti (basso) e Andrea Ilardi (batteria).
La voglia di esprimersi è tanta ed è per questo che mettono in piedi una band dove il suono fonda le sue radici nell’Heavy Rock, con forti componenti di Stoner e Garage.

Iniziano a produrre i primi brani, dando così vita a Supernothing, EP di debutto anticipato dal singolo “To The Mountains” del quale è stato girato il video che puoi vedere qui sotto.

Ma un EP non è abbastanza per la Vinnie Jonez Band e così ecco che i quattro musicisti si chiudono in studio per registrare i brani che – a distanza di due anni dalla nascita della band – prendono forma dando vita a Nessuna Cortesia All’Uscita, un album dove l’equilibrio interiore viene messo a dura prova dalla società in cui viviamo, fatta di incontri (a volte) sbagliati e di delusioni che fanno il pari ai momenti di felicità.

E sono proprio i riff e le ritmiche Stoner a farla da padrone in questa prima prova discografica del gruppo laziale. Nessuna Cortesia All’Uscita è un disco di nove tracce con un sound che profuma di America, che porta l’ascoltatore sulla costa californiana dei Fu Manchu e dei Queens Of The Stone Age, così come dei mastodontici Tool di Maynard James Keenan.

Recensione | "Nessuna Cortesia all'Uscita": lo Stoner Rock targato Vinnie Jonez Band
Vinnie Jonez Band – “Nessuna Cortesia All’Uscita

Nessuna Cortesia All’Uscita si apre con “Polvere” – no, non è una cover dell’omonimo brano di Enrico Ruggeri – una canzone che arriva dritta in pancia per violenza sonora e carica emotiva. Le distorsioni e le oscurità espresse sono profonde e molto piacevoli così come il senso di alienazione percepito nel bridge prima del finale.

Silenzio” prosegue la cupezza nei suoni e nelle atmosfere espresse dal testo, che parlano di un vuoto interiore che nell’evolversi del brano si apre al “segnale che infrange il silenzio”, aspetto reso sonoricamente anche dai cori nel finale.

Vipera” chiude il trittico iniziale, lasciando spazio a “Corri“, il primo singolo estratto da questo Nessuna Cortesia All’Uscita, un brano concreto e di vera sostanza che dimostra quanto la Vinnie Jonez Band abbia i numeri dei fuoriclasse.

Il giro di boa del disco di debutto della band laziale arriva con “Supernulla“, brano strumentale di poco più di due minuti che per qualità potrebbe benissimo essere paragonato a band stoner internazionali.

Segue “Idolum“, con riff più tendenti all’heavy metal e cambi di ritmo e genere repentini, passando dall’hard rock, allo stoner al post rock che arriva ampiamente sul finale. Un brano estremamente riuscito!

Sangue” è una canzone dall’anima punk ma dal suono hard rock, con un coinvolgimento estremo da parte dell’ascoltatore:

Cadi e non ti accorgi che sei solo […]
È il sangue che è instabile
Non avrai più l’opportunità,
Non c’è più nulla ormai, più nulla ormai

Mi Chiamo Fuori” e “Nessuna Cortesia” chiudono l’album di debutto della Vinnie Jonez Band: se la traccia di chiusura è già stata selezionata come secondo singolo, “Mi Chiamo Fuori” si candida di diritto come terzo papabile estratto di Nessuna Cortesia All’Uscita, per vie della sua melodia – più radiofonica e sicuramente molto piacevole da sentire in macchina nel traffico da rientro post ufficio – nonostante la sua durata sia superiore alla media delle canzoni di questo disco.

Conclusioni:

Nessuna Cortesia All’Uscita della Vinnie Jonez band è un album estremamente convincente, uno di quei dischi che non ti stanchi di ascoltare e che risentiresti ancora, ancora e ancora.

L’aspetto sicuramente più riuscito è quello legato alle strumentali: nessuno dei nove brani che compongono il disco di debutto di questa band è sottotono rispetto agli altri. Ogni canzone è composta con la stessa cazzimma che aleggia dall’inizio alla fine di Nessuna Cortesia All’Uscita – cazzimma che un genere come questo DEVE avere e che ha portato la Vinnie Jonez Band a realizzare brani come “Silenzio”, “Sangue”, “Vipera” o “Idolum”.

Un debutto sicuramente esplosivo!

Ora non resta che seguirli e vedere se avranno voglia di mettersi alla prova con testi in inglese per poter arrivare anche ai “fratelli maggiori” Made in U.S.A.

Sky’s the limit!

Mauro Abbatescianna

Profili Social della band: Facebook | Twitter | BandCamp 

Iscriviti al canale Telegram ufficiale di AscoltieRacconti.com per ricevere ogni nuova Recensione direttamente sul tuo smartphone, tablet o PC. Clicca qui per iscriverti GRATIS!