Jack Jaselli è un cantautore del quale ti ho già parlato, qui sulle pagine di AscoltieRacconti.com, avendoti presentato la recensione del suo showcase di presentazione del suo nuovo disco, “Monster Moon”, uscito per Universal Music Italia.

Il nuovo album è uscito ufficialmente lo scorso venerdì 6 Maggio ed è disponibile in formato digitale (su iTunes e Amazon) o in formato fisico (CD e Vinile autografato in edizione limitata esclusiva Amazon), Dopo essermi preso il week-end per ascoltarlo al meglio, oggi è il momento di recensirlo.

"Monster Moon": il nuovo album di Jack Jaselli
“Monster Moon”: il nuovo album di Jack Jaselli

“Monster Moon” – L’album della svolta di Jaselli | La recensione di AscoltieRacconti.com

11 tracce, fatte di passione, sudore, cuore, bravura, talento e soprattutto originalità.

Questa è la “ricetta” che compone “Monster Moon“, il disco dove si perde un Jack nel nome stampato sulla copertina e si acquisisce un quarto membro alla formazione dal vivo, Chris Lavoro (basso e synth) – che si aggiunge ai già presenti Jack Jaselli, Max Elli (Chitarra solista) e Nik Taccori (Batteria) – per dare vita a Jaselli, il progetto che segna il salto nella carriera di Jack e dei suoi compagni di viaggio.

Salto firmato con Universal Music Italia, etichetta che ha deciso di produrre questo disco andando totalmente in controtendenza rispetto al periodo storico-musicale che stiamo vivendo, fatto di talent show e più di prodotti confezionati che di talenti “alla vecchia maniera”.

Jaselli suona da diversi anni, si è autoprodotto coi suoi due primi dischi (“It’s Gonna Be Rude, Funky, Hard” e “I Need The Sea Because it Teaches Me“) e chiunque abbia speso belle parole per lui lo ha fatto percependo il soul col quale ha sempre suonato in giro per l’Italia, macinando chilometri con la sola voglia di far sentire la propria musica a chi avesse anima e cuore aperti ad accoglierlo.

Il titolo parla chiaro: la Luna è stata di grande ispirazione a Jaselli e alla sua band – e non poteva essere altrimenti, date le due lune piene alle quali hanno assistito mentre erano ai Fonogenic Studios, a Los Angeles, per registrare l’album da Ran Pink (già collaboratore dei Foo Fighters di Dave Grohl).

Monster Moon” è intriso di Rock, quello fatto bene, in un paese che di Rock ne vive forse poco o meno di quel che dovrebbe assumere nella propria dose quotidiana. L’impronta data al disco si sente già da “This City“, la traccia di apertura che fa capire come con questa nuova fatica Jaselli voglia confrontarsi anche con la Musica Rock d’oltreoceano, mettendosi di più in gioco e giocandosela ad armi pari.

I’m The Wolf” e “Monster Moon” sembrano completarsi, come fossero l’una l’incipit dell’altra: nella prima il lupo esplora, studia i nemici e gli ricorda di essere il lupo, mentre nella seconda è come se si trasformasse ululando alla Luna, mutando in quel mostro che il lupo stesso racchiude dentro di sé. Se “I’m The Wolf” è il perfetto connubio tra suono acustico ed elettrico, “Monster Moon” è un tripudio di Rock, distorto quanto serve a far uscire il mostro che c’è in ognuno di noi.

The Road” e “The End” sono le canzoni che hanno anticipato il disco, la prima già eseguita in acustico per Vevo DSCR e la seconda già in rotazione nelle radio nazionali. “Brightest Angel” è una di quelle canzoni che ti ritrovi a canticchiare durante la giornata, battendo le mani e pensando alla speranza che non cessa mai di esistere, soprattutto quando un momento buio sta finendo.

Il suono di Jaselli rispecchia la sua natura viaggiatrice, esprime come catturi più sfumature dai posti che vede e che respira, e infatti in “My Baby” si respira aria di Reggae. “Good Goodnight“, invece, chiude il disco nel migliore dei modi, con quel sound acustico che quando lo ascolti ti fa sentire bene.

[vcex_divider style=”solid” icon_color=”#000000″ icon_size=”14px” margin_top=”20px” margin_bottom=”10px”]

“Monster Moon” è un disco che suona vero – come si suol dire – per la dedizione e la passione con la quale Jack, Nik e Max l’hanno scritto, cullato e registrato. L’amore che è racchiuso in questo album è espresso anche visivamente, da un packaging e un artwork molto belli, concepiti con passione da chi di passione ci vive: il CD in formato digipack contiene un poster dov’è rappresentata la “mappa Lunare” con i testi delle canzoni.

La mappa lunare l’abbiamo: ora non resta che raggiungerla!

There’s a monster in me under this Monster Moon and it’s coming back around

Jack Jaselli

Mauro Abbatescianna