Dopo l’anteprima di NEVERLANDER dei Phototaxis, eccomi di nuovo a pubblicare un’altra recensione in anteprima!

Recensione in Anteprima | God Is An Alien segna il ritorno di Led Green

Led Green, classe 1972, nasce musicalmente come batterista militando in diverse band italiane e incidendo una decina di lavori, tra singoli, EP e LP, con altrettanti video annessi. Dopo circa vent’anni di esperienza decide che l’Inghilterra debba diventare il luogo dove inseguire il suo obiettivo musicale, trasferendosi così a Londra nel 2010.

Nel giro di due anni Led Green si esibisce dal vivo per un centinaio di volte, pubblicando anche un EP con la sua band inglese dell’epoca. Ma la sua voglia espressiva è forte e pubblica My Dreams, album electro-rock strumentale ben accolto dalla critica.

God Is An Alien è il nuovo disco di Led Green in uscita a fine Gennaio per Ghost Label Record, un album che evolve il progetto di My Dreams, grazie anche al coinvolgimento di Vanessa Caracciolo alla voce. Il disco è stato registrato all’home studio di Led Green tranne che per le voci, registrate al Blue Box Studio Livorno. Il mixaggio e il master sono di Francesco Landucci eseguiti al Poderino Recording Studio Rosignano.

Il titolo del disco è legato all’argomento principale, ovvero gli alieni. A spiegare il senso di God Is An Alien è Led Green stesso:

Sono in mezzo a noi, ci osservano. La guerra, la povertà, l’inquinamento, ecco quello che hanno visto. Sono in mezzo a noi, controllando che tutto vada bene. Ma noi sappiamo, che la verità è diversa. Non possiamo sfuggire, sono venuti in pace? Forse! Forse vogliono fare ordine in questo mondo sfinito. Forse sono venuti solo per un avviso di fare ordine o sarà la fine. Tornate indietro nei vostri passi, stupidi umani fino a che siete ancora in tempo oppure…

God Is An Alien è un disco che si compone di otto tracce all’insegna delle influenze sonore che hanno sempre accompagnato Led Green nella sua formazione e gusto personale (The Chemical Brothers, Kraftwerk, Fatboy Slim, Bad Company, Joy Division). “The Neverending Universe” è il primo singolo estratto del quale puoi vedere il video in esclusiva proprio qui su AscoltieRacconti.com!

God Is An Alien si apre con “Planet Earth Destiny” che fa subito capire come il sound electro sia rimasto come carattere forte della Musica di Led Green, una canzone che porta subito nelle ambientazioni aliene attraverso i suoni e il testo.

They’re Changing Us” segue la stessa linea riportando inevitabilmente alla mente i Prodigy e la loro energia. Molto bello il cantato di Vanessa Caracciolo, graffiato ed energico!

Recensione in Anteprima | "God Is An Alien" segna il ritorno di Led GreenMisery Hate&Pain” è una canzone più introspettiva, con una ritmica molto solida e delle atmosfere che rendono al meglio il senso del pezzo. All’inizio del brano è presente anche quel che vuole essere un richiamo alla voce aliena così com’è stata sempre riprodotta fino ad oggi. Miseria, odio e sofferenza: ci si è sempre interrogati sulla benevolenza o meno degli alieni e Led Green e Vanessa Caracciolo fanno lo stesso.

Anche “One More Time” prosegue il viaggio nell’introspezione e nella scoperta di questa dimensione quasi parallela e lo fa con una ritmica piuttosto serrata e la voce inizialmente in secondo piano. Ancora una volta i suoni rimandando a tutti i riferimenti alieni a cui la cinematografia e la scienza ci hanno abituati fino a oggi. Bello il cambio di ritmo sul finale.

If You Resist You Exist” contiene la narrazione di un’altra voce femminile, Betty, che lascia poi spazio a un pezzo che definirei combattivo.

Chiudono il disco “Last Chance” e “Better World“, due canzoni che confermano il suono generale di God Is An Alien.

Conclusioni:

Led Green torna con un’evoluzione del precedente My Dreams sperimentando l’introduzione del cantato da parte di Vanessa Caracciolo che convince per interpretazione e timbro vocale. God Is An Alien è a suo modo un concept album che prende forma nei testi quanto ancor più nei suoni, un album senza dubbio internazionale per approccio e qualità.

Contatti Social di Led Green: Facebook | Soundcloud | Bandcamp

Mauro Abbatescianna

Led Green – God Is An Alien Tracklist

  1. Planet Earth Destiny
  2. The Neverending Universe
  3. They’re Checking Us
  4. Misery Hate&Pain
  5. One More Time
  6. If You Resist You Exist (Betty)
  7. Last Chance
  8. Better World

Condividi questa recensione in anteprima di God Is An Alien di Led Green su Facebook, Twitter, Google+ o WhatsApp.

Iscriviti al canale Telegram di AscoltieRacconti.com per ricevere ogni nuova recensione direttamente sul tuo smartphone, tablet o PC. Clicca qui per iscriverti GRATIS!