Musica e Film prosegue con “Rudderless“, un altro film che, purtroppo, non ha avuto il successo che meriterebbe.

Uscito in America nel 2014, “Rudderless” è un film drammatico, che mette in evidenza un problema purtroppo sempre più frequente nel “nuovo continente”, ovvero quello delle stragi di innocenti che spesso avvengono nei college per mano di un giovane che spara all’impazzata sui suoi coetanei.

Discutere l’aspetto psicologico che porta a compiere un gesto simile sarebbe troppo complesso per farlo in poche righe – e non è mio intento farlo – ma va detto come, sicuramente, la depressione o l’infelicità siano tra gli elementi che possono portare a compiere atti così cruenti.

Nel cast di “Rudderless” sono presenti Billy Crudup (Quasi Famosi, Big Fish, Too Big To Fail – Il Crollo dei Giganti), Laurence Fishburne (Matrix – La Trilogia, Apocalypse Now, Biker Boyz, Hannibal), William H. Macy (Fargo, L’isola dell’Ingiustizia – Alcatraz, Il Cliente, Magnolia), Felicity Huffman (Desperate Housewives), Anton Yelchin (Alpha Dog, House of D, Terminator Salvation) e Selena Gomez (cantante e attrice).

Per William H. Macy questa pellicola coincide, anche, col suo debutto alla regia.

Trama: Sam Manning (Billy Crudup) è un uomo di successo, grazie alla sua carriera come advertiser per una grossa agenzia di pubblicità. Dopo aver chiuso un contratto molto fruttuoso, decide di chiamare suo figlio Josh Manning per convincerlo a vedersi e festeggiare il risultato raggiunto, dicendogli di saltare la scuola. La mattinata non va come sperato da Sam, che dopo essere stato salutato frettolosamente dal figlio, decide di andare a mangiare qualcosa in un pub; qui viene a conoscenza del dramma che si è consumato proprio nel college frequentato da suo figlio, dov’è appena stata compiuta una strage di innocenti.

Sam non riesce a darsi pace per la terribile scoperta fatta, isolandosi dal mondo e affogando il suo dolore nell’alcool, lasciandosi sempre più andare ad una vita trasandata e rifiutando completamente ogni collegamento col figlio deceduto oltre che con sua moglie Emily (Felicity Huffman).

Nel suo lasciarsi andare viene licenziato e decide di trasferirsi a vivere su una barca a vela. Il suo continuo rifiuto degli eventi prosegue fino al momento in cui sua moglie gli porta uno scatolone con all’interno degli oggetti che erano di Josh. Tra questi, Sam trova un CD dove il figlio aveva inciso delle canzoni che aveva scritto, composto e cantato nel periodo di residenza al college.

Ascoltare questo disco stravolge totalmente la vita di Sam, che riesce ad avvicinarsi a Josh come non aveva fatto nemmeno quando quest’ultimo era ancora in vita. Attraverso quelle canzoni riesce a empatizzare di più con la vita del figlio, al punto da ritrovarsi a suonare e cantare lui stesso quei brani, persino in pubblico, al Trill – il locale gestito dal personaggio interpretato da William H. Macy (personaggo senza nome nel film – ndr).

L’esibizione chitarra-voce di Sam sconvolge Quentin (Anton Yelchin) a livello emotivo, un ragazzo che lo ascolta al Trill e che trova in lui l’anello mancante perfetto per la sua band. Da quel momento Sam viene “tormentato” da Quentin, il quale gli chiede continuamente di entrare a far parte della band per realizzare insieme il progetto che ha in mente da molto tempo. Inizialmente Sam rifiuta, sapendo di suonare dei brani non suoi e legati ai tragici avvenimenti che hanno coinvolto il figlio Josh.

Nonostante questo, però, Quentin riesce a convincerlo e la band viene “messa in piedi”, chiamandola proprio Rudderless. Il gruppo ha successo e per un periodo tutto va alla grande! Fino a quando Kate (Selena Gomez), la ex fidanzata di Josh, dice la verità a Quentin e agli altri membri della band riguardo alla provenienza delle canzoni che Sam propone per il gruppo. E da quel momento tutto cambia.

[vcex_divider style=”solid” icon_color=”#000000″ icon_size=”14px” margin_top=”10px” margin_bottom=”10px”]

Musica e Film si focalizza, come avrai già capito, sull’importanza musicale che hanno le varie pellicole di cui parlo in ogni episodio di questa rubrica. All’interno di “Rudderless” sono presenti delle canzoni bellissime, principalmente acustiche. Ciò che ho apprezzato tantissimo è stato come i brani siano stati suonati e interpretati da Billy Crudup e dalla band che appare nel film, tanto da essere creditati direttamente a loro anche nella Colonna Sonora ufficiale del film (nonostante la maggior parte dei brani siano stati scritti da Simon Steadman e Charlton Pettus, oltre che da Fink – ndr). La canzone sicuramente più struggente è “Sing Along” di Billy Crudup, che viene usata come simbolo nel dialogo padre-figlio.

Nella storia raccontata, la canzone rimane incompiuta, perché Josh muore prima di poter finire di scriverla, completando soltanto la prima strofa e il ritornello. A concludere il brano è proprio Sam che, nel ruolo del padre, comunica col figlio, scrivendo la strofa mancante. Nel farlo, compone dal punto di vista del genitore, dicendogli quelle parole che non è mai riuscito a dire quando ancora era in vita e che – se potesse tornare indietro – vorrebbe dirgli.

Questo brano è molto triste ma allo stesso commovente e anche delicato, perché mette a nudo le debolezze umane, tanto di un figlio quanto di un padre. Spesso, nella quotidianità, è molto difficilre riuscire ad avere un dialogo figlio-genitori, è sempre stato così e sempre lo sarà, è la normale difficoltà dei rapporti umani di questo genere. Forse è anche questo che commuove, vedere come attraverso una “semplice” canzone si veicoli un messaggio così forte. Questo è il bello della musica.

All’interno della colonna sonora sono presenti anche canzoni di Selena Gomez e di Eef Barzelay – un cantautore del New Jersey e di origine iraniana – e anche una divertente versione punk di “The Wheels On The Bus“, una canzone per bambini della tradizione inglese – suonata anche nel film. Altre canzoni molto belle sono “Home”, “Stay With You” e “Asshole.

Questa pellicola merita di essere vista, molto più di quanto sia invece passata in sordina da quando è uscita. Se deciderai di guardare “Rudderless” scoprirai una bella recitazione (soprattutto da parte di Billy Crudup) e rimarrai spiazzato dalla delicatezza della composizione musicale dei brani facente parte della colonna sonora. Eccoti il trailer:

 

Prima di salutarti ti lascio i link per poter acquistare la colonna sonora o il film.

Tu l’hai visto questo film? Che ne dici di “Sing Along” e delle altre canzoni della colonna sonora? Scrivimelo nei commenti e fammi sapere che ne pensi! E se questo articolo di Musica e Film è piaciuto, condividilo sui social, mi renderesti felicissimo!

Mauro Abbatescianna