Se sei un fan dei Coldplay, allora non puoi assolutamente perdere l’appuntamento con A Head Full Of Dreams, il film evento che documenta e racconta i primi vent’anni di storia della band inglese capitanata da Chris Martin.

Il film sarà proiettato nei cinema di tutto il mondo per una sola giornata, quella di mercoledì 14 novembre. Per solo una giornata sarà quindi possibile assistere a uno spettacolo fatto di colori, emozioni e, soprattutto, sogni. Ecco perché, in realtà, l’appuntamento con A Head Full Of Dreams dei Coldplay non è da perdere anche se non sei un fan di questa band.

Il film, distribuito in Italia da Nexo Digital in collaborazione con i media partner Radio DEEJAY, MYmovies.it, OnStage e Rockol.it, è stato girato e diretto da Mat Whitecross (già regista di Supersonic, l’acclamato documentario degli Oasis del 2016) e raccoglie parecchio materiale video registrato in questi primi vent’anni di vita dei Coldplay come band, rimasto inedito fino ad oggi. Come già detto nell’articolo di presentazione al film, Whitecros si pone nella storia dei Coldplay come un tassello fondamentale: il regista è stato presente fin dalle primissime prove che la band inglese teneva nella camera studentesca del convitto dove Chris, Guy, Will e Jonny si sono conosciuti e hanno formato la loro band.

A Head Full Of Dreams, il film concerto dei Coldplay, prende il nome dall’omonimo tour che la band inglese ha portato negli stati per circa un anno e mezzo, in supporto al loro ultimo album pubblicato nel 2015.

Descrivere le emozioni che proverai durante la visione del film è molto difficile: ti ritroverai molto spesso con gli occhi lucidi e la maglietta bagnata dalle lacrime di gioia e commozione, questo sia per l’intensità della storia narrata che per la bellezza del materiale girato in questi vent’anni.

La vera magia di questo film documentario è proprio questa, l’unione e la forza che scorre davanti agli occhi per tutti i 115 minuti di durata della pellicola. Durante la visione siamo parte della band, come lo stesso Chris Martin dice spesso alla fine dei loro concerti, e questa percezione è tangibile, reale, vera!

Verità. Questa è la parola chiave di A Head Full Of Dreams. Verità e sogni, sono questi i due ingredienti che i Coldplay si sono portati dietro fin da quel lontano 1997 quando iniziarono a fare sul serio, prendendosi sul serio e, al contempo, lasciando che i colori facessero sempre parte della propria vita, del proprio cuore, della propria anima.

Ciò che rende i Coldplay una mosca bianca del music business è proprio il legame affettivo e umano che unisce i membri della band e le persone a loro più vicine dell’entourage, come il loro manager Phil Harvey – anche lui ex compagno di università che prese la coraggiosissima decisione di mollare gli studi per fare da mangare alla band, senza nemmeno sapere da dove iniziare per intraprendere una carriera simile.

Lo stesso Mat Whitecross è un loro caro amico prima ancora che essere il loro regista ufficiale da quando hanno iniziato vent’anni fa.

Musica e Film | A Head Full Of Dreams: i sogni dei Coldplay, al cinema solo il 14 Novembre!
Coldplay – A Head Full Of Dreams

I Coldplay hanno affrontato diversi cambiamenti in queste due decadi: mutazioni personali oltre che musicali. Hanno dovuto affrontare alcune crisi piuttosto difficili. Chris Martin, ad esempio, ha avuto un periodo buio dovuto alla separazione con Gwyneth Paltrow durante il quale aveva perso la sua creatività che lo ha sempre contraddistinto. Lo stesso Phil Harvey decise di lasciare la gestione della band perché si sentiva esausto nel dover gestire il rapporto professionale e amichevole con Chris e soci, e quando cambi un ingrediente nella tua ricetta che, fino a quel momento si è dimostrata impeccabile, ecco che l’unico disco prodotto senza la sua presenza risulta il più difficile da portare a termine in sala di incisione; proprio perché Phil, considerato da sempre il quinto membro dei Coldplay, per quell’album non era presente come punto di riferimento come c’è sempre stato fin dagli inizi. E questa mancanza si sente tutta durante le immagini immortalate da Whitecross.

L’aspetto più bello di questo A Head Full Of Dreams è riuscire a vedere il mondo con gli occhi di Chris Martin, un Sognatore con la S maiuscola oltre che un trascinatore nato. Vedere la sua determinazione fin dai tempi dell’università ti fa capire come basti semplicemente crederci davvero, lavorare duro, migliorarsi senza tirarsi mai indietro e allora sì che i nostri sogni potranno prendere la forma che vogliamo dargli e realizzarsi.

Adesso basta parlare: corri sul sito di Nexo Digital per vedere la lista completa delle sale dove poter vedere A Head Full Of Dreams e compra il tuo biglietto, è un evento che non puoi permetterti di perdere. E se non sei ancora convinto allora sappi che solo se andrai al cinema potrai vedere 10 minuti di contenuti extra che non saranno, invece, presenti nella versione di A Head Full Of Dreams che verrà rilasciata in streaming su Amazon Prime Video nei giorni successivi all’uscita cinematografica.

Il 14 novembre ti siederai in sala, nel tuo cinema preferito, da solo o con la persona che ami, e ne uscirai con la testa piena di sogni. Ti auguro di realizzarli tutti, uno ad uno.

Mauro Abbatescianna