Dopo soli due giorni dal concerto dei Puscifer – del quale puoi leggere il Live Report a questo indirizzo – sono tornato nuovamente al Teatro degli Arcimboldi per assistere al concerto di Zakk Wylde, uno dei migliori chitarristi al mondo.

Zakk Wylde Live Teatro Arcimboldi (MI) – Il Live Report di AscoltieRacconti.com

La prima volta che ascoltai un brano del progetto solista di Zakk Wylde fu con “Sold My Soul“, contenuto in “Book Of Shadows” del 1996. Un album cupo – il titolo credo sia già abbastanza esplicativo – intriso di soul e blues, non nel senso musicale dell’espressione quanto più dal punto di vista della sofferenza e della tristezza che esprime. Lo scorso 8 aprile è uscito “Book Of Shadows II“: l’ho aspettato per diversi anni e di conseguenza l’aspettativa per questo disco è stata molto alta da parte mia. Questo suo secondo capitolo non mi ha convinto quasi per nulla, però, a parte pochi brani, ma nonostante questo ho esultato come un bambino appena è stata annunciata la data milanese dell’ex chitarrista di Ozzy Osbourne.

Alle 20:00 circa ha suonato Jared James Nichols con la sua band – un trio chitarra/voce, basso e batteria. Nichols è un cantante, compositore e chitarrista del Wisconsin che per una mezz’ora abbondante ha presentato i suoi pezzi estratti da “Old Glory & The Wild Revival” e intrisi di hard blues, hard rock e metal. La voce di Jared è molto convincente, il timbro perfetto per questo genere. I pezzi sono strutturati e suonati altrettanto bene. Sono belli “tirati”, come si suol dire. Mi hanno ricordato i Black Crowes, solto un po’ più hard. Una gran bella scoperta! Sicuramente da tenere d’occhio.

Alle 21:20 circa è toccato a Zakk Wylde e alla sua band salire sul palco.Quella stessa “Sold My Soul” ha aperto il concerto di ieri sera, facendomi letteralmente saltare sulla poltrona urlando dalla felicità.

Quella stessa “Sold My Soul” ha aperto il concerto, facendomi letteralmente saltare sulla poltrona urlante dalla felicità. Zakk e soci sono saliti sul palco carichi e belli incazzati a livello sonoro, pronti a far venire giù il Teatro degli Arcimboldi – e vi assicuro che il boato del pubblico sembrava quello di uno stadio e non di un teatro contenente poche migliaia di persone.

La folla ha iniziato ad andare in visibilio quando Zakk è sceso dal palco e si è messo a suonare nella buca solitamente dedicata all’orchestra, con tanto di fans in piedi a filmarlo e un papà che con in braccio il figlio piccolo è andato a rockeggiare proprio davanti al chitarrista.

Il live è proseguito con “Autumn Changes“, “Tears Of December” e “Lay Me Down“, direttamente da “Book Of Shadows II”.

All’attacco di “Road Back Home” ho sentito uno dei boati più belli da quando frequento l’ambiente della musica Live: è uno dei suoi pezzi migliori e tra i più amati e Zakk ce l’ha regalata suonandola al piano, come di solito fa dal vivo. Momento fantastico!

Del nuovo album sono stati suonati anche “Yesterday’s Tears“, “Darkest Hour“, “Eyes Of Burden“, “Lost Prayer” (a mio avviso la più bella di “Book Of Shadows II”) e “Sleeping Dogs“, primo singolo estratto dal BOS II, che ha chiuso il live.

I momenti più belli, però, sono stati durante “Throwin’ It All Away” e “Between Heaven and Hell“, entrambi eseguiti in modo epico per la bellezza degli assoli che Zakk ha eseguito, ma soprattutto per dove Wylde ha suonato per buona parte delle canzoni: in mezzo al pubblico. Durante l’esecuzione di questi brani è sceso dal palco, superato il muretto divisorio della buca dell’orchestra e si fatto avvolgere dalla folla mentre avanzava tra le file delle poltrone, con la folla che lo attorniava filmandolo e facendosi dei selfie con lui.

Non c’è stato un solo istante di calo durante il live, è stato tutto potentissimo – in certi casi anche troppo, in seconda galleria dov’ero io la voce non arrivava bene e l’acustica era un po’ condizionata dai troppi bassi che salivano.

Era la prima volta che vedevo Zakk Wylde dal vivo e posso affermare che non vedo l’ora di rivederlo: andare a un suo concerto è stata una delle scelte migliori che possa aver mai preso in vita mia!

Mauro Abbatescianna.


Setlist completa Zakk Wylde Live Teatro Arcimboldi (MI) – 9 Giugno 2016:

  • Sold My Soul
  • Autumn Changes
  • Tears Of December
  • Lay Me Down
  • Road Back Home
  • Yesterday’s Tears
  • Between Heaven and Hell
  • Darkest Hour
  • Throwin’ It All Away
  • Dead As Yesterday
  • Eyes Of Burden
  • Way Beyond Empty
  • The King
  • Lost Prayer
  • Sleeping Dogs

Mauro Abbatescianna