Finora ho avuto l’enorme fortuna di poter assistere a molti concerti dei più svariati generi: Bruce Springsteen, Gary Clark Jr., Marcus Miller, Elton John, Pearl Jam, Nine Inch Nails, Tomahawk, Gov’t Mule, Seether, B.B. King, Lenny Kravitz, Alice Cooper, Biffy Clyro, Future Islands, Dream Theater e la lista potrebbe andare avanti ancora.

Ogni concerto è differente: diverse sono le setlist, le emozioni, il pubblico, l’energia. Per questo sabato 4 febbraio sono stato a vedere i Dream Theater al Mediolanum Forum di Assago, in occasione della loro quarta data italiana che li ha portati nel nostro paese per il “Images, Words & Beyond – 25th Anniversary Tour“, tour celebrativo per i 25 anni di “Images and Words, album che li ha consacrati nel lontano 1992.

L’ultimo concerto che ho visto dei Dream Theater è stato quello al Teatro Arcimboldi di Milano in occasione dell’Astonishing Tour che ha visto la band interpretare tutto quanta l’opera rock realizzata con “The Astonishing“. Quella sera James LaBrie aveva la febbre e la sua prestazione non era stata delle migliori, ma sabato è stata tutta un’altra cosa.

La serata si è aperta con la solita “Two Steps from Hell” che preannuncia l’entrata in scena della band che fa letteralmente esplodere il Mediolanum Forum quando ancora le luci sul palco sono spente e si intravede soltanto l’ombra dei Dream Theater.

Passano pochi secondi e sull’attacco di “The Dark Eternal Night” il boato si fa sempre più assordante, dando ufficialmente inizio alle danze! La band è in forma e James alla voce fa capire come la serata sarà un’esplosione di energia continua. Il pubblico ha fame, si sente, si percepisce da come trema il pavimento delle tribune dove sono seduto. Ogni concerto è diverso e quello che mostreranno stasera non l’ho ancora visto.

The Bigger Picture” è una goduria per le orecchie, mentre “Hell’s Kitchen” mostra la potenza di suono dei Dream Theater – soprattutto a chi ancora non li ha visti dal vivo.

The Gift of Music” e “Our New World” ci riportano al presente facendoci sentire le sonorità di “The Astonishing” e dimostrando come anche quest’ultimo sia stato un disco molto apprezzato dal pubblico che ha esultato sull’attacco di Petrucci per “Our New World” – me compreso che sono letteralmente schizzato in piedi per la felicità e la carica che mi trasmette questo pezzo!

Si sente che è una serata diversa dalle precedenti dove LaBrie non era in forma come spesso gli capita a inizio tour, ma non questa sera. Sale di tonalità e controlla la voce da vero professionista, vuole godersela questa festa al Mediolanum Forum!

Anche una band come i Dream Theater si è ispirata al passato, ai musicisti che per ogni componente della band sono stati di ispirazione ed esempio. Per John Myung è Jaco Pastorius quel faro nella notte che l’ha guidato per diventare il bassista che è ora, è lo stesso LaBrie a dirlo, introducendo Myung per la sua cover di “Portrait of Tracy” dello stesso Pastorius. Il palco solo per lui e il palazzetto totalmente in silenzio. Un momento magnifico!

As I Am” viene eseguita con un estratto di “Enter Sandman” dei Metallica, un tributo che i Dream Theater eseguono spesso, e la gente fatica a restare seduta sugli spalti così come nel parterre: le magliette ondeggiano nell’aria, la gente si muove e salta a tempo di metal anche da seduti e l’atmosfera è sempre più incendiaria!

Il primo atto si chiude con “Breaking all Illusions” che conduce alla pausa prima di attaccare col secondo atto, il più celebrativo di tutti dove viene eseguito integralmente “Images and Words“, l’album che si festeggia in questo tour.

Tutto ricomincia con “Pull Me Under” che infuoca ancor di più i fans della band che non vedevano l’ora di risentire “Images and Words” e le sue meravigliose canzoni!

La serata prosegue sempre più carica: è bellissimo vedere Petrucci e Myung suonare vicini e scambiarsi cenni di assenso e sguardi complici per la soddisfazione di quel che sta accadendo! Ancora più bella è la sensazione che mi scatena vedere James LaBrie padrone del palco e in piena forma, con la voglia di spaccare fino all’ultimo secondo prendendo ogni singola nota e dandosi fino all’ultimo affanno. E che dire di Petrucci che guarda il pubblico e allarga le braccia alla fine di ogni assolo come in “Hell’s Kitchen”? Potenza ed energia pura, questo è ciò che sento questa sera!

Another Day” mi fa emozionare e Jordan Rudess decide persino di regalarci una coda più lunga rispetto al pezzo originale, con un suo assolo magnifico a chiudere. Anche Petrucci fa lo stesso, con un assolo da brividi alla fine di “Take The Time

Metropolis Pt.1” è lo scenario che più aspettavo e a ragion veduta vista l’esplosione e il boato che è partito da tutto quanto il pubblico e che ha fatto tremare il Mediolanum Forum! Se ci aggiungiamo anche che Mike Mangini ha suonato il suo assolo durante questo capolavoro, cosa volere di più?

Ma non è abbastanza, nemmeno per i Dream Theater, e dopo aver chiuso il secondo set e aver regalato al pubblico una “battaglia” epica tra Jordan Rudess e John Petrucci, regalano un’ultima mezz’ora di meraviglia musicale senza fine, suonando tutte e sette le parti della suite “A Change of Seasons“, piena di tutto quel che si possa chiedere da un concerto, pieno di sogni, tecnicismi, emozioni, sensazioni, passione.

Dopo un concerto così torno a casa felice, col sorriso nell’anima oltre che sul viso e con la consapevolezza di aver assistito a uno dei concerti migliori ai quali sia mai stato, con un pubblico meraviglioso e – cosa ancora più importante – con alcune delle persone a me più care.

Solo una cosa mi è dispiaciuta: che non abbiano eseguito “The Spirit Carries On“, mi sarebbe piacuto moltissimo sentirla come chiusura di una serata così splendida, ma so che ci saranno altre occasioni per sentirgliela fare 😉

Mauro Abbatescianna


Foto e scaletta completa:

Dream Theater Live @ Mediolanum Forum – 04/02/2017 – Setlist Completa

The Dark Eternal Night
The Bigger Picture
Hell’s Kitchen
The Gift of Music
Our New World
Portrait of Tracy
As I Am
Breaking All Illusions

Act 2 (Images and Words):
Happy New Year 1992 – Intro Tape
Pull Me Under
Another Day
Take the Time
Surrounded
Metropolis Pt. 1: The Miracle and the Sleeper
Under a Glass Moon
Wait for Sleep
Learning to Live

Encore
A Change of Seasons: I The Crimson Sunrise
A Change of Seasons: II Innocence
A Change of Seasons: III Carpe Diem
A Change of Seasons: IV The Darkest of Winters
A Change of Seasons: V Another World
A Change of Seasons: VI The Inevitable Summer
A Change of Seasons: VII The Crimson Sunset
Outro


C’eri anche tu al concerto dei Dream Theater al Mediolanum Forum di assago? Scrivimelo nei commenti e dimmi che sensazioni hai avuto! Se questo live report ti è piaciuto allora condividilo su Facebook, Twitter, G+ e WhatsApp! Grazie per la lettura 🙂

[yikes-mailchimp form=”1″ title=”1″ description=”1″ submit=”Iscriviti!”]