Buone notizie per tutti gli amanti del Blues made in UK: i Nine Below Zero, storica blues band inglese capitanata da Dennis Greaves, saranno in concerto in Italia per un’unica data a Milano, il prossimo 26 Novembre.

I Nine Below Zero suoneranno infatti allo Spirit de Milan, un live club in zona Milano Bovisa che da tempo dà spazio alla Musica dal vivo di alto livello.

Sarà proprio la band inglese a chiudere in bellezza la settimana della Milano Music Week che si terrà nella città lombarda dal 20 al 26 Novembre, con una serie di eventi e concerti che vogliono valorizzare la Musica dal vivo e non.

I Nine Below Zero tornano al completo dopo la parentesi sarda che ha visto soltanto il chitarrista Dennis Greaves prendere parte all’Aglientu Summer Blues Festival 2017 che si è tenuto lo scorso agosto in Sardegna e che ha, appunto, visto la presenza di Dennis come ospite d’onore per festeggiare i dieci anni del festival.

I Nine Below Zero si formarono nel 1977 a Londra, in pieno periodo punk, ispirati dal titolo di una canzone del leggendario Sonny Boy Williamson II: Dennis Greaves (voce, chitarra) e Mark Feltham (voce, armonica) decidono di andare controcorrente mescolando l’energia del punk al sound e all’anima viscerale tipici del Blues, senza tralasciare ritmi coinvolgenti e melodie della tradizione Motown.

Il loro debutto discografico arrivò nel 1980 con Live At Marquee, album che segna la loro fulminea ascesa nei club londinesi tanto da essere definiti da Alexis Korner (fondatore del British Blues) come “il gruppo inglese più eccitante dai tempi dei Rolling Stones“.

Don’t Point Your Finger arrivò nel 1981 con la produzione del celebre Glyn Johnse e inizia a diventare familiare ai media. Un momento di grazia che li catapulta in tour al fianco degli Who e Kinks, per arrivare a Third Degree del  1982. In due anni la band ha inciso tre dischi suonando oltre 500 concerti, ma la pressione a cui è sottoposta e alcune divergenze con la casa discografica portano al suo scioglimento. Dennis Greaves si dedica al nuovo progetto soul/pop The Truth (due singoli in Top 20 inglese e uno nella Top 5 R&B americana), mentre Mark Feltham diventa uno dei più richiesti armonicisti del mondo (Rory Gallagher, Talk Talk, Paul Young, Oasis, Joe Cocker, Zucchero).
Nel 1990 si riuniscono con una nuova sezione ritmica formata da Brendan O’Neill (batteria) e Gerry McAvoy (basso), transfughi dalla band di Rory Gallagher, e realizzano gli album On the Road Again (1991), Off the Hook (1992) e Ice Station Zebro (1995) mentre l’intensa attività live li vede condividere il palco a fianco di Eric Clapton, Ray Davies, Brian May e Zucchero, mantenendo sempre un alto profilo. Nel 2000 i Nine Below Zero danno vita alla Zed Records e pubblicano gli album Refrigerator (2000), Chilled (2002) e Hat’s Off (2005). In questo periodo hanno anche occasione di esibirsi in compagnia di Gary Moore, Chuck Berry, Jools Holland e Paul Jones, partecipando anche a Pistoia Blues nel 2008. L’anno successivo esce l’ottimo It’s Never Too Late e nel 2012 la Universal pubblica le edizioni deluxe dei primi tre album e la storica line up, con il rientro di Brian Bethell al basso e Mickey ‘Stix’ Burkey alla batteria, rivive in occasione del 35° anniversario e di un tour con gli Stranglers. Oggi, con la nuova formazione e la pubblicazione di 13 Shades Of Bluesdel quale puoi leggere qui la mia recensione – è ora protagonista di un tour che li porterà finalmente in Italia, sul palco dello Spirit de Milan.

Nine Below Zero Live @ Spirit de Milan: Ingresso 15€ (ridotto 7€ per chi cena nel locale)
Opening act: The Hipshakers ore 20:30
Concerto Nine Below Zero ore 21:30

Mauro Abbatescianna


Condividi questo articolo su Facebook, Twitter, Google+ e WhatsApp e diffondi anche tu la bella Musica dal vivo!

Iscriviti al canale Telegram di AscoltieRacconti.com per ricevere ogni Live News direttamente sul tuo smartphone, tablet e PC. Clicca qui per iscriverti GRATIS!

Seguimi su Facebook! Metti un like qui sotto e segui ogni aggiornamento della pagina!