Dopo una pausa berlinese, eccomi di nuovo a scrivere qui su AscoltieRacconti.com!
Nelle scorse settimane ho pubblicato la recensione di This Is Sexy Sonic Alternative Iron Punk, l’ultimo album dei Dancing Scrap, band hard rock italiana con una forte esperienza live e un’attitudine puramente Rock N Roll.

Dopo aver parlato del loro ultimo disco – del quale puoi leggere qui la mia recensione completa – ho avuto il piacere di scambiare quattro chiacchiere con Ronnie Abeille, il cantante e fondatore dei Dancing Scrap.

Intervista | Ronnie Abeille dei Dancing Scrap: la Musica, le influenze e il Live

Ciao Ronnie e benvenuto su AscoltieRacconti.com. Oggi sei qui in veste di rappresentanza dei tuoi Dancing Scrap. Presentati e presenta il vostro progetto a chi non vi conosce.

Ronnie:Ciao Mauro, grazie a te per questa intervista e buon anno a tutti i lettori! Dunque, tenterò di riassumere evidenziando i momenti più importanti: i Dancing Crap (perchè la s è stata aggiunta dopo) nascono nel Marzo del 2012. Più precisamente nascono quelli che poi avrebbero realizzato qualcosa di significativo, perchè pochi mesi prima avevo già avuto modo di formare il gruppo, ma poi mi sono trovato nelle condizioni di rifondarlo quasi subito. Nel Marzo del 2012 il primo nuovo elemento che ho incontrato è stato il bassista Bobby Gaz, e dopo aver completato l’organico con un chitarrista ed un batterista, abbiamo iniziato ad esibirci dal vivo e rilasciato due demo (The main attraction – 2012, Commercial crap – 2013). Alla fine del 2013 ci siamo trasferiti a Londra con un nuovo batterista. Dopo essere tornati nel 2014, con una nuova formazione eccezion fatta per Bobby, abbiamo firmato con l’etichetta Agoge Records e registrato il nostro debutto “Cut it out”, anticipato dal video/singolo “The sick ones”. Il disco è poi uscito nel Settembre del 2015, presentato in un doppio release party: Le Mura in Roma, The Cave in Amsterdam. Nel mese di Ottobre ci siamo esibiti al Traffic di Roma per la prima volta insieme agli Warrior Soul. Nel 2016, dopo altri cambi di formazione, abbiamo suonato nell’est Europa e realizzato il secondo video/singolo estratto dal ben accolto debut “Cut it out”, ovvero “Sam”. Il 2017 è stato inaugurato da una seconda data insieme agli Warrior Soul e dal cambio di moniker in Dancing Scrap; sarebbe proseguito con le registrazioni del follow up uscito di recente sempre per Agoge Records, preceduto dal singolo “I like it”. La formazione che ha registrato “This Is Sexy Sonic Alternative Iron Punk” è formata da me alla voce e arrangiamenti di piano, tastiere, trombe etc, Bobby al basso, Sal e Eugenio alle chitarre, Danilo alla batteria.

Siete da poco usciti con “This Is Sexy Sonic Alternative Iron Punk”, un disco poliedrico che ho apprezzato molto per la voglia di non essere necessariamente ancorato e incanalato ai generi e alle etichette. C’è dentro molto, dal punk all’elettronica, all’industrial, toccando punte di acid rock ma soprattutto c’è il Rock N Roll e tutta la sua attitudine. A mio avviso è un aspetto molto positivo perché significa aver assimilato moltissimo con la voglia di esprimerlo con un’identità propria. A questo proposito, quali suoni/nomi che vi hanno formato nella vostra crescita come band?

Ronnie:Prima cosa grazie ancora per le belle parole spese nella tua recensione! Con la frase: “Si tratta di un disco dal respiro internazionale, che gioca molto sull’ironia dell’immagine della Rock Star ma che non scherza affatto sulla voglia di suonare del sano Rock in giro per locali!” sei stato in grado di cogliere nel segno!
Mah… credo dipenda dal fatto di essere cresciuto con dischi come Queen II, Use your illusion, Welcome to my nightmare, The real thing. Dischi che, in modo diverso tra loro, fanno dell’eclettismo il proprio vessillo; oltre ad ascoltare da Mina al gruppo grindcore più marcio e tutto quello che passa in mezzo. Ho avuto la fortuna di condividere tale eclettismo, nella musica proposta, con quasi tutte le persone che hanno fatto parte delle band che ho formato, sia quando ne sono stato l’unico autore sia quando ho contribuito a strutturare idee altrui.

Leggi l'#intervista a #RonnieAbeille dei @DancingScrap1 Condividi il Tweet

Avete avuto la fortuna e il coraggio di andare a Londra per tre mesi, durante i quali avete suonato in quindici locali: qual è stata la scintilla che vi ha fatti partire alla volta del Regno Unito? Avete trovato quel che speravate e vi aspettavate di trovare oltre manica?

Ronnie:Il desiderio di confrontarsi con chi quella musica l’ha vista nascere. Sì, certamente: la conferma che ciò che proponevamo all’epoca fosse efficace.

Quanto quell’esperienza ha influito sul suono che è presente dentro “This is Sexy Sonic Alternative Iron Punk”?

Ronnie:Non credo che quell’esperienza abbia influito, credo che abbia influito di più tutto ciò che abbiamo vissuto successivamente.

Da assiduo frequentatore di concerti, è inevitabile chiedertelo: quanto è differente l’approccio al live tra Italia e UK per Rock band come i Dancing Scrap? Come ha risposto il pubblico alla vostra Musica e alle vostre esibizioni? Insomma, quanto vi siete divertiti a suonare nella città che – al 99% dei casi – è il VERO banco di prova per una Rock Band?

Ronnie:Sempre in riferimento a quell’esperienza, posso dirti che sono stati i concerti più viscerali, pazzi e crudi di quella specifica formazione.

Se dovessi scegliere una tappa fondamentale della band, quale sarebbe?

Ronnie:Beh, dovremmo analizzare tutti i live e le singole vicissitudini che le diverse formazioni hanno affrontato. A titolo strettamente personale non posso non citare il secondo concerto insieme agli Warrior Soul di Gennaio 2017. Non solo sono una delle mie band preferite di sempre, ma in più Kory mi ha tirato sul palco per cantare la loro mia canzone preferita: Punk and Belligerent! Non lo ha mai fatto con nessuno nella sua carriera.

Avete avuto un Novembre, e un fine 2017 in generale, ricco di live: cosa dobbiamo aspettarci dai Dancing Scrap per il futuro? Tour e novità 2018?

Ronnie:Siamo appena tornati dal secondo tour in U.K. e dobbiamo ricaricare le batterie. Però non nascondo che ultimamente si stava concretizzando la possibilità di portare a Roma il chitarrista di una nota hard rock band americana ancora molto attiva, ma a causa di suoi contrattempi non se n’e’ fatto più nulla. Inoltre ho già preso contatti per altre date in Scozia e festival in Inghilterra, vedremo.

Avendo visto diverse realtà musicali (quella italiana, quella londinese e quella dell’Europa dell’est), cosa credi che manchi alla Musica in Italia per artisti come te che si mettono in gioco?

Ronnie:Non sono in grado di poter dare una risposta completa ad una domanda così ampia. Ciò che credo è che per una band italiana fare rock cantato in inglese non offra molti sbocchi di un certo rilievo, principalmente perchè alla maggior parte degli italiani non interessa ascoltarla. Diffida di chi vuole farti credere il contrario, a meno che non si parli di artisti che hanno venduto dischi e fatto investimenti efficaci. Da parte dell’artista, se non c’è una costante possibilità di investimento si riesce a realizzare ben poco in ogni caso.

Vorrei chiudere ringraziandoti per il tempo dedicato ad AscoltieRacconti.com chiedendoti un’ultima cosa: oltre agli Warrior Soul, c’è un artista – italiano e non – col quale desidereresti collaborare?

Ronnie:Riuscire a trovare un bel confronto artistico e umano come con Kory e la sua compagna sarebbe difficile. E’ stato lui l’ultimo a suggerirmi di variare leggermente il nome della band tra l’altro. Poi visto che sto prendendo in seria considerazione di iniziare a lavorare a del materiale solista, vorrei coinvolgere un chitarrista, cantante e arrangiatore di nome Federico Pontani, amico di lunga data. Lui sta lavorando con il suo progetto Reported all’album di debutto sempre per Agoge Records, te lo segnalo!
Mauro, grazie a te per la tua disponibilità, complimenti per il tuo sito e ancora auguri di buon anno!

Mauro Abbatescianna


Iscriviti al canale Telegram di AscoltieRacconti.com per ricevere ogni nuova intervista direttamente sul tuo smartphone, tablet o PC. Clicca qui per iscriverti GRATIS!

Seguimi su Facebook e resta sempre aggiornato! Metti un Like qui sotto!