A distanza di alcuni giorni dall’intervista a Bruno Mantra – mentre del progetto Women Against Violence – ecco che su AscoltieRacconti.com arriva una nuova e interessantissima intervista!

Quella che ti propongo oggi è l’intervista a Olivia, giovane cantautrice di Viterbo che da poco si è affacciata al mondo della Musica con “Non Ho Non So”, il suo singolo di debutto uscito lo scorso 4 Maggio e seguito da un video molto ben realizzato.

Olivia, al secolo Arianna Silveri, classe 1990, prima ancora di diventare una cantautrice nasce come ballerina, ma non voglio svelarti altro. Lascio a lei la parola. Buona lettura e buona visione del videoclip di “Non Ho Non So”, lo trovi in fondo all’articolo.

Intervista a Olivia

Olivia, benvenuta su AscoltieRacconti.com. Lo scorso 4 Maggio è uscito “Non Ho Non So”, il tuo singolo di debutto che ti proietta nel mondo della Musica italiana. Raccontaci chi è Olivia e il tuo percorso formativo che ti ha portata fino a qui.

Olivia:Grazie e ciao a tutti i lettori! Vi racconto chi è Olivia: Olivia sono io e sono una cantautrice che ha deciso di fare questo mestiere da grande. Vengo dalla danza, un’arte che porterò sempre nel cuore ma che ho lasciato dopo dieci anni circa non appena ho preso il diploma di maturità. Da quel momento ho iniziarto a studiare canto e subito dopo pianoforte e sax. Inizialmente mi accompagnavo con il piano e cantavo cover, ho iniziato a fare concorsi finché non ho vinto la prima borsa di studio al CET e da lì è iniziata la mia vera formazione artistica come cantautrice: ho iniziato a scrivere canzoni e ho continuato a studiare e ascoltare tutta la musica che potevo e in breve tempo ho capito che non avrei potuto e voluto fare altro nella vita.

Per dieci anni hai studiato danza. Cosa ti ha spinto a lasciare una forma artistica più fisica e passare a un’altra più “astratta” come la Musica?

Olivia:Non lo so di preciso. In effetti è successo qualcosa dentro di me, ho sentito la necessità di cambiare e ho iniziato a cambiare tantissime cose di me e della mia vita iniziando da questa. Era l’anno in cui mi sono diplomata, a questo punto credo che sia verò che l’esame di maturità ti dia la maturità… credo sia stata quella a farmi decidere.

“Non Ho Non So” è una canzone molto bella che parla di una storia d’amore finita e racchiude il coraggio necessario a prendere la decisione di lasciare ciò che ci fa soffrire per stare bene con sé stessi, mettendo anche fine a un amore se necessario a trovare il proprio benessere. Quanto fa bene fare Musica?

Olivia:Fa molto bene…. dovrebbero farlo tutti. Scrivere canzoni soprattutto fa benissimo: ogni volta è una seduta di psicoanalisi che faccio da sola. Devi essere pronto a tutto perché è una specie di terapia d’urto e certe volte mi ritrovo a scrivere cose che non credo di pensare e non credo che mi appartengano ma poi, appena rileggo quello che ho scritto, anche quando invento o scrivo storie di altri mi accorgo comunque che quella sono io e mi vedo da fuori. A volte è spaventoso e devo smettere perché non sono abbastanza forte psicologicamente, altre volte sono in forma e mi diverto a scoprirmi e prendermi anche in giro da sola.

Nel video di “Non Ho Non So” – prodotto da Visionarilab – il fidanzato, protagonista della storia che racconti, viene rappresentato come una marionetta da “modellare” a propria immagine e somiglianza, come se fosse più importante apparire anziché essere. Quanto il mondo di oggi contribuisce a tutto questo, secondo te?

Olivia:Nel video, il mio uomo è una marionetta perché incapace di reagire e accettare il fatto che una storia stia finendo in quel momento e si lascia trasportare inerme dagli eventi. Preferisce fingere che vada tutto bene e sperare che passi invece di cambiare. In generale credo che nella nostra società, ma anche nei rapporti purtroppo, l’apparenza sia molto importante e non dovrebbe esserlo e questo è in gran parte colpa del mondo di oggi, soprattutto dei social che io uso molto e mi diverto ad usarli ma nei quali ci tengo ad apparire quella che sono. Anche i rapporti d’amore sono più fragili in questo modo: vedo coppie su Instagram che giocano a Fedez e Ferragni, poi li vedo in giro e sono tristi. Passano le giornate a guardarsi sorridere e baciarsi nelle foto poi si guardano in faccia e quei sorrisi non li trovano e nemmeno si baciano se nessuno gli scatta una foto. Si innamorano della loro immagine insieme ma non l’una dell’altro.

Puoi anticiparci qualcosa dei tuoi progetti discografici futuri?

Olivia:Work in progress. Sto lavorando al disco e nel frattempo faccio interviste radio e scrivo canzoni nuove. Da luglio a settembre canterò in un Hotel a Maratea poi girererò il video del secondo singolo che uscirà. Darò aggiornamenti in tempo reale tramite la mia pagina Facebook “Olivia” e la mia pagina instagram “olivia_songwriter

Per gli artisti emergenti spesso è difficile farsi notare nell’oceano Musicale: qual è “l’arma segreta” della tua Musica che pensi possa arrivare alla gente che ti ascolta? Quale messaggio vuoi comunicare?

Olivia:Io non so se sia un’ arma segreta ma quello che penso possa arrivare alla gente che mi ascolta è la verità. Scrivo quello che vedo, che penso e che sento senza molti filtri o frasi ad effeto che non significano niente. Sono diretta e sincera e non ho segreti. Eccolo il mio segreto. Quello che vorrei comunicare è semplicemente che anche se in modi diversi, siamo tutti uguali, viviamo tutti le stesse emozioni: l’amore, l’amicizia, la felicità, la tristezza sono uguali per tutti… cambiano solo i luoghi e le persone quindi comprendiamoci e ascoltiamo musica!

L’ultima domanda: c’è un artista col quale, più di qualunque altro, vorresti collaborare?

Olivia:Ci sono tantissimi artisti con i quali vorrei collaborare ma se posso dirla grossa ho sempre sognato di collaborare con Jovanotti e Vasco Rossi.

Ringrazio nuovamente Olivia per il suo tempo e le rinnovo i complimenti per “Non Ho Non So”.

Mauro Abbatescianna