Sì, lo so, è da molto che non pubblico una playlist.

E hai ragione! Per questo, in questo ultimo venerdì di aprile, sono tornato per proportene una che non puoi assolutamente perderti!

Ieri sera stavo guardando un po’ Spotify e mi è venuta un’enorme nostalgia di un’altra piattaforma che ho utilizzato per un periodo piuttosto lungo: 8tracks.

Ho sempre amato la filosofia di questo progetto che, purtroppo, negli anni è mutata totalmente per tutti i paesi al di fuori dall’America – questioni di copyright. La playlist che ti propongo oggi l’avevo creata proprio lì sul mio profilo 8tracks e che avevo praticamente dimenticato. Pronto ad ascoltarla?

Blues Is Not A Color : la playlist Blues con le sue evoluzioni più Rock!

Blues Is Not A Color è un titolo che mi sono inventato, creando un pun, un gioco di parole per esprimere sostanzialmente un concetto molto semplice: troppo spesso incaselliamo la Musica intrappolandola nelle etichette dei generi. Non dico sia sbagliato, anzi, sono il primo a farlo e la maggior parte delle volte è necessario, ma tante altre volte è anche bello partire dal filone principale del quale si vuole parlare o ascoltare per poi passare alle sue evoluzioni, alle sue sfumature sonore.

Buono Sconto del 10% - Il Vinile

Questo è quel che ho fatto con Blues Is Not A Color, la playlist blues con le sue evoluzioni più Rock. Troverai brani di B.B. King, Muddy Waters, Howlin’ Wolf – giusto per nominare tre dei padri del blues più puro – così come brani di Gary Moore, Thin Lizzy, Eric Clapton, Eric Sardinas o di un chitarrista molto meno conosciuto come Joe Colombo, uno slide guitarist svizzero fantastico! E la lista continua con nomi come Creedence Clearwater Revival, The Allman Brothers Band, ZZ Top, Steppenwolf, passando anche per l’attore Jeff Bridges che ha sempre amato suonare e la lista prosegue.

Blues Is Not A Color: la #Playlist #Blues con le sue evoluzioni più Rock! Condividi il Tweet

Insomma, come avrai ben capito c’è molto in questa playlist Blues, a partire dalla quantità di canzoni che sono 47. Sì, quarantasette, per un totale di 3 ore e 47 minuti di durata.

Non serve dire altro se non buon ascolto con questa playlist Blues con l’anima un po’ Rock!

Mauro Abbatescianna


Ti è piaciuta questa playlist Blues un po’ particolare? 😉 Scrivimi nei commenti quale canzoni ti sono piaciute di più, quali di meno e quali avresti magari inserito o tolto 🙂

Condividi Blues Is Not A Color su Facebook, Twitter, Google+ e WhatsApp: diffondiamo il verbo del Blues e dei suoi derivati! 😉

Iscriviti al canale ufficiale Telegram di AscoltieRacconti.com per ricevere tutti gli articoli direttamente sul tuo smartphone, tablet o PC. Preferisci la mail? Allora compila il form qui sotto per iscriverti alla Newsletter del sito!